Il Dojo

 

Dojo significa “il luogo dove viene praticata la Via“, intesa come sentiero di vita per una crescita fisica e spirituale. La pratica della Via acquista contenuto e chiarezza quando esiste un sincero legame tra allievo della Via e Dojo.

Perciò, nell’insegnamento della Via, il Dojo non è uno spazio per allenarsi, ma un luogo sacro, chiamato anche “spazio dell’illuminazione”.

Per ogni praticante serio il Dojo è un luogo di meditazione e di concentrazione, un onorato luogo di apprendimento, di fratellanza, di amicizia, e di rispetto reciproco. E’ più di un concetto – è il simbolo della Via dell’arte marziale.

Per un vero allievo della Via, il Dojo è come una seconda casa.

Attraverso un giusto rapporto col Dojo, si stabilisce un reciproco scambio di valore, in cui il singolo può maturare e lo spirito del Budo può prosperare nella comunità.

Quando un vero allievo del Budo entra in un Dojo egli si lascia alle spalle tutti i problemi della quotidianità. Non è bene entrare nel Dojo con questi. Il Dojo è il luogo della meditazione, della concentrazione in se stessi. E’ il contrario di tutto ciò che accade nel quotidiano.

Quando lo si comprenderà come tale e si cerca il giusto atteggiamento in sé , si può crescere in esso.